Viaggiatori Viaggianti - Spilimbergo giardini aperti 2015

Menu

Tutela, valorizzazione, conoscenza di un territorio sono parole che possono suonare impegnative per chi , come noi, desidera trovare svago e relax nelle uscite in camper. La nostra fortuna è che abbiamo la possibilità di spaziare facilmente tra località marine o montane rischiando però di trascurare quelle zone che risultano essere solo di passaggio anzichè vere e proprie mete. Così, in uno dei nostri giri ci siamo immersi in una realtà come quella di SPILIMBERGO (PN) dove l'accoglienza del turismo itinerante è uno dei punti di forza del territorio.
Qui il presidente camperisti del FVG Roberto Mongiat ha fortemente voluto un'area sosta camper gratuita completa di c/s, corrente a pochi minuti dal centro. Qui l'amministrazione comunale ha intuito la grande risorsa che il turismo itinerante rappresenta ed ha investito in questo progetto che ci ha visti protagonisti, in quanto camperisti, di un evento come "Giardini Aperti" che ci ha avvicinato alla città d'arte, dove natura e buon cibo sono stati una suggestiva cornice.

Su suggerimento di una grandissima appassionata di rose abbiamo partecipato a questa bella giornata in cui, chi lo desidera, può mettere a disposizione i propri spazi piccoli o grandi che siano. Non è corretto credere che solo gli appassionati di giardinaggio siano interessati a questa iniziativa;la guida, solitamente il padrone di casa, accompagna i visitatori raccontando il suo giardino che è fatto di fiori ma anche emozioni, racconti, speranze, gioie, a volte dolori affidati all'amata terra, ai silenzi che regala e l'energia che trasmette. Spinti dall'opportunità di usufruire dell'area sosta gratuita di via Udine abbiamo scelto la città d'arte famosa per la Scuola Mosaicisti del Friuli che ha esportato l'arte musiva italiana nel mondo tra cui la decorazione del Foro Italico a Roma e quella del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Abbiamo fatto degli acquisti molto interessanti presso la latteria Tosoni di Via Barbeano, 9/F, dove infinite specialità culinarie stimolano il gusto e l'olfatto; noi abbiamo scelto il formaggio Asìno,che deve il suo nome alla zona di provenienza e cioè della Pieve d'Asio (l'attuale zona dei comuni di Clauzetto e Vito d'Asio in provincia di Pordenone), fatto con latte di vacca e non come si potrebbe credere con latte d'asino.
Questo formaggio ha una consistenza morbida dal gusto delicatamente sapido, ottimo da gustare con la polenta, magari facendolo sciogliere all'interno come fosse la "Balote", piatto caratteristico del comune di Clauzetto in Val Cosa. Felicissimi per gli acquisti, che per noi sono una sorta di rituale obbligato,ci dirigiamo presso la bella area per la sosta notturna, assolutamente tranquilla.

Il centro di Spilimbergo, di origine medioevale è caratterizzato da innumerevoli edifici di notevole interesse:
il Duomo di Santa Maria Maggiore luogo ideale di ritrovo giovanile con i sette rosoni sulla facciata, particolare unico in Friuli e il portale di Zenone da Campione, detto porta moresca;
il Castello, costituito da un'insieme di bei palazzi come il Tadea, il Furlan al cui interno si trova un affresco del Pordenone ;
il Palazzo Dipinto, (unico palazzo che scampò alla distruzione dell'incendio del 1511) è la cornice ideale per il nostro pranzo domenicale curato dallo chef Marco Talamini e consigliato dal disponibile gestore del rinomato ristorante "La Torre" Massimo Botter.

La cornice del Palazzo Spilimbergo di Sopra, con il suo giardino fiorito, accoglie i visitatori dell'edizione Giardini Aperti 2015, accompagnati dal giovane ma grande esperto Francesco Cagliari che proprio a Spilimbergo ha frequentato l'istituto tecnico agrario, dimostrando una grande passione per la natura, nonchè un'enorme conoscenza dei vari tipi di piante, la loro storia, caratteristiche e peculiarità. E' una visita piacevole, informale ma molto interessante ed alla fine rimane il piacere di aver conosciuto belle persone che amano il proprio lavoro a cui dedicano anima e corpo.

Dopo l'interessante visita guidata all'interno del palazzo da parte della preparatissima e sempre sorridente Tullia Luminelli( nonchè camperista a sua volta), ci ritroviamo tutti per un brindisi finale con il consigliere Giuseppe Della Valle nelle cantine del palazzo stesso. Nell'edizione precedente avevamo conosciuto anche il presidente dei camperisti del FVG Giuseppe Mongiat che, non potendo essere presente anche in questa edizione, ha voluto omaggiarci, insieme all'amministrazione comunale e al Sindaco dott. Renzo Francesconi, di un interessantissimo volume dal titolo "Il Palazzo della Magnifica Thadea nel castello di Spilimbergo" di Alice Baldin. Un grazie speciale per l'accoglienza che abbiamo ricevuto e per l'amicizia cominciata per caso e che siamo certi continuerà nelle prossime edizioni di questa bella manifestazione!
Abbiamo avuto inoltre l'opportunità di vedere, all'interno dell'androne di un'abitazione privata, una trave del 1600 e, approfittando della disponibilità del dott. Alberto Commessatti, siamo riusciti a fare alcune fotografie da angolazioni inusuali. Un grazie di cuore anche a lui!

foto