Viaggiatori Viaggianti - Lago di Redona, Poffabbro, Frisanco

agosto 2015

Menu

Altro Menu

In tempo di grande secca rispuntano dal lago di Redona i pochi ruderi rimasti del vecchio borgo di Movada. E' uno spettacolo straordinario, che capita nelle estati più torride e senza pioggia. Sono gli scheletri delle poche case di sassi inghiottite dal torrente Meduna, nei primi anni '50, quando fu ultimata la diga costruita sulla strettoia di Ponte Racli. Da quel momento cambiò radicalmente la vita della Val Tramontina.
di Giuseppe Ragogna
http://messaggeroveneto.gelocal.it/tempo-libero/2015/08/15/news/alla-scoperta-del-friuli-1.11938596

Parcheggiamo a Redona vicino ad un ristorante (ora chiuso)nei pressi di Pecol, il sentiero è indicato da un cippo a ricordo del sacrificio dei vigili del fuoco periti per incidente in elicottero durante le operazioni di soccorso alle popolazioni terremotate del Friuli nel 1976. Superato il cippo si procede prima con un sentiero di erba e per finire su ghiaione piuttosto ripido ma il panorama che si intravede da subito merita la fatica del breve percorso.

Avanti