Viaggiatori Viaggianti - Grotte di Pradis agosto 2013

Menu

Altro Menu

Ed eccoci in un'altra perla del territorio della Comunità Montana del Friuli Occidentale, le Grotte di Pradis a Pradis di Sotto comune di Clauzetto (Pn). Sostiamo nell'area camper gratuita nei pressi della grotta, dotata di impianti di carico e scarico ma purtroppo sprovvista di acqua funzionante ormai da anni. Sarebbe opportuno che l'amministrazione provvedesse alla sistemazione di tale bella area magari dividendo i due parcheggi uno per le automobili e l'altro riservato ai camper. Chissà se questo appello verrà mai ascoltato, nel frattempo vi accompagno in visita alla bella grotta verde e all'orrido che si trova accanto. Un tempo un bel carrillon diffondeva musica per la vallata ma la bella tradizione è venuta meno con la chiusura del "bar della grotta" il cui proprietario ha pensato bene di portare via l'intera struttura che da anni accompagnava le nostre escursioni in questo luogo. Dopo aver pagato il biglietto (3,50 euro)e con l'emozione della prima volta ci dirigiamo alla bella grotta verde così detta per il colore caratteristico che assume con la tenue luce dell'interno. Qui a Natale si celebra la messa di mezzanotte in un contesto a dir poco suggestivo.

Le grotte di pradis sono un complesso di cunicoli scavati dal torrente Cosa; sono stati trovati anche resti di presenza dell'uomo preistorico. Scendiamo ora i 207 gradini che ci porteranno all'orrido dove ci accoglie una croce lignea del Maestro Gatto di Treviso. Da qui partono tre percorsi, uno all'arco naturale , l'altro alla cascata rio Molat e alle nostre spalle le grotte 1 e 2 ( la 3, non illuminata, è ancora chiusa). E' veramente affascinante perdersi in questo gioco di luci naturali e getti d'acqua e per un attimo si può dimenticare il mondo intero e perdersi in questo meraviglioso percorso naturale. Risalendo i gradini completiamo la visita attraversando il ponticello che porta all'antico ponte in pietra e ritornando verso il breve percorso che ci separa dal camper ci fermiamo al "Furetto" ristorante bar, molto caratteristico in mezzo al verde dove ci si può informare per un percorso "canyoning" nelle acque del torrente Cosa.

Foto